BEACHES BREW

Dal Texas all'Etiopia musica senza confini

Dal 4 al 7 giugno concerti gratuiti sulla spiaggia dell'Hana-Bi e di altre location a Marina di Ravenna

19/02/2018 - 19:41

Dal Texas all'Etiopia musica senza confini

RAVENNA. Come di consueto attesissimo – soprattutto dopo essere stato inserito tra i migliori dieci festival estivi del mondo da Pitchfork e Mtv – Beaches brew ha reso noti nei giorni scorsi i primi tredici nomi delle band che dal 4 al 7 giugno prossimi si esibiranno (gratuitamente) sulla spiaggia dell’Hana-Bi e di altre location a Marina di Ravenna. E ancora una volta la line-up assemblata da Bronson Produzioni insieme all’olandese Belmont Bookings è da leccarsi i baffi: i texani Khruangbin, ad esempio, che escono per Dead Oceans, sono sicuramente il nome più caldo tra le nuove band internazionali, con il loro sound perfetto per un festival in spiaggia; poi The Comet Is Coming, band che rappresenta la nuova scena avant-jazz inglese, guidata da quel geniaccio che è Shabaka Hutchings, astro nascente del sax mondiale. E ancora Jlin, esponente di punta dell’elettronica avant, il cantautore americano Ezra Furman, Hailu Mergia, mito assoluto del sound etiope, che arriva per la prima volta in Italia ed è il punto di riferimento per tutta la psichedelia contemporanea, l’africana Sudan Archives, altro astro nascente, che unisce la musica contemporanea con i suoni africani del suo violino. Senza dimenticare, sempre dall’Africa, Nadah El Shazly & Band, poi gli scandinavi Liima, l’hip hopper Flohio, Mattiel, i Downtown Boys, gruppo multietnico rappresentante della scena hardcore indipendente, Omni e Rizan Said, anche lui dal Nord Africa, esperto di synth analogici. Info: beachesbrew.com

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c