Mercoledì 16 Agosto 2017 | 15:30

MASTERCHEF

Lo chef Sartini incorona Cristina
Santarcangelo è tutta per Valerio

Giovani e solari, la sammarinese il romagnolo si contendono lo scettro

Lo chef Sartini incorona Cristina Santarcangelo è tutta per Valerio

RIMINI. Conto alla rovescia per la finalissima di Masterchef, lo show di Sky condotto da Joe Bastianich, Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Carlo Cracco. Un appuntamento che mai come quest’anno parla riminese. Fra i tre finalisti di domani sera, infatti, ci sono due giovanissimi romagnoli: Cristina Nicolini 26 anni della Repubblica di San Marino (territorio limitrofo alla città di Fellini) e Valerio Braschi, 19 anni, di Santarcangelo. L’altra finalista viene dalla Liguria: si chiama Gloria Enrico, ex barista e giovane mamma (25 anni) di Tovo San Giacomo in provincia di Savona.

La città è letteralmente in fibrillazione per Valerio Braschi. «Tutta Santarcangelo fa il tifo per lui – racconta il sindaco Alice Parma – la presenza di un ragazzo molto giovane come Valerio rende lo show ancor più appassionante. Oltretutto, vedere a Masterchef un 19enne che parla di enogastronomia, nato e cresciuto qua, nella terra in cui il vino e il cibo rappresentano un’identità del territorio, per noi è una cosa molto positiva».

Il primo cittadino spiega di non conoscere personalmente Valerio «ma appena terminato lo show lo voglio incontrare». Dalla parte di Valerio, forse batte un po’ anche il cuore di Carlo Cracco. Lo chef, che ha già annunciato il suo addio dalla prossima stagione al talent dei fornelli, è infatti sposato con Rosa Fanti, originaria proprio di Santarcangelo.

L’altra “romagnola” è Cristina Nicolini, anche se in realtà abita pochi chilometri oltre il confine. Il segretario di Stato alla Cultura e all’Innovazione Marco Podeschi rivela: «L’ho incontrata ieri mattina e le ho fatto gli auguri per la finalissima. E’ molto importante per lei ma anche per la Repubblica: una giovane sammarinese che si è messa in gioco dà visibilità a un piccolo Stato come il nostro».

Podeschi, quando ancora non era alla guida del Paese, aveva provato lui stesso ad entrare nello show: «E’ successo tre anni fa. Ma quando ai provini ho scoperto che c’erano adempimenti contrattuali incompatibili con la mia esperienza politica, sono andato via».

Fra i sostenitori della ragazza c’è pure l’unico chef stellato di San Marino, Luigi Sartini, titolare del notissimo ristorante Righi. «I genitori di Cristina li conosco da una vita. Hanno festeggiato qui molti eventi importanti e lei mi è venuta a trovare anche ieri». Impressioni? «In trasmissione ha sempre lavorato con la testa, rispettando molto la territorialità (come quando ha scelto di cucinare una tagliatella con il plancton) e senza mai avventurarsi in cose che sapeva di non riuscire a fare. Non mi aspettavo che potesse arrivare in fondo alla competizione, però me lo auguravo. Stiamo parlando di non professionisti, ma l’impressione è stata davvero positiva. Domani sera può vincere».

Emanuele, è uno dei primi tifosi della sorella Cristina: «Ho sempre seguito il programma e per domani sera stiamo organizzando un raduno con amici e parenti, ma non in luoghi pubblici». La famiglia Nicolini ha anche ricevuto i complimenti del governo: «Sono entusiasti dell’immagine che Cristina sta dando di San Marino. Speriamo che in futuro possa ricevere un encomio dalla Reggenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000