logo_extra Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

RICCIONE

Furto con "spaccata" in gioielleria

L'assalto in viale Ceccarini attorno alle 14.15 durante la chiusura pomeridiana sotto gli occhi di una decina di testimoni: bottino record

09/11/2016 - 11:22

Furto con "spaccata" in gioielleria

RICCIONE. Colpo grosso in pieno giorno ai danni della gioielleria “Tamburini” di viale Ceccarini a Riccione. Un commando di quattro esperti ladri, dopo aver sfondato una delle vetrine del prestigioso negozio durante la chiusura pomeridiana, hanno arraffato gli orologi in esposizione, una ventina in tutto, e sono scappati facendo perdere le loro tracce. Il tutto è avvenuto in pochissimi minuti, attorno alle 14.15, sotto gli occhi di una decina di testimoni.

I banditi, incuranti dei divieti, sono arrivati in viale Ceccarini a bordo di due auto, entrambe rubate la notte precedente a Pesaro. Hanno lanciato a forte velocità una Ford Focus, a mo’ di “ariete” contro la gioielleria, per mandare in frantumi la vetrina più appetitosa, alla destra dell’ingresso. A quel punto sono scesi dalle vetture (l’altra era un fuoristrada Ford Kuga) con i volti coperti dai passamontagna e indossando i guanti e hanno completato l’opera a colpi di mazza da baseball. Infine, hanno riempito delle sacche con gli orologi della vetrina, tutti di grande valore: il più prezioso, da solo, era posto in vendita al prezzo di centomila euro. La stima del bottino non è stata ancora fatta e i titolari della gioielleria completeranno la denuncia soltanto oggi al completamento dell’inventario, ma non è irrealistico ipotizzare che si tratta di un colpo da oltre trecentomila euro (anche se i ladri dovranno fare i conti con i ricettatori, tradizionalmente non troppo “generosi”). In contemporanea all’impianto di allarme anche alcuni cittadini presenti hanno subito avvertito i carabinieri, ma all’arrivo delle pattuglie i quattro sconosciuti si erano già dileguati. Sul posto i militari dell’Arma hanno raccolto cinque testimonianze secondo le quali ad agire sarebbero stati degli italiani ed effettuato i rilievi in particolare nell’abitacolo della Ford Focus. Poco più tardi è stata trovato anche il secondo veicolo: il fuoristrada è stato abbandonato in una via secondaria, nella zona sud di Riccione, al riparo delle videocamere di sorveglianza. Ogni tentativo di intercettare gli autori del colpo, evidentemente a bordo di una terza auto “pulita”, si è rivelato finora vano.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c