Giovedì 08 Dicembre 2016 | 03:08

IL CASO

Puntatori laser, ragazzini con danni permanenti alla vista

Un minore ha perso la vista da un occhio. Aperta un'inchiesta dalla Procura. Uno degli oggetti acquistato a Rimini

Puntatori laser, ragazzini con danni permanenti alla vista

Sequestro di puntatori laser (Foto di repertorio)

BOLOGNA. Danni permanenti e irreversibili alla vista causati dall'utilizzo dei puntatori laser usati per gioco, quelli che spesso si vedono in vendita per strada da venditori ambulanti più o meno regolari. I medici del Policlinico Sant'Orsola di Bologna, negli ultimi mesi, si sono imbattuti già in tre casi, molto simili tra loro, di ragazzini tra i 10 e i 13 anni, che hanno riportato danni alla vista (uno si ritrova pressoché cieco da un occhio) presumibilmente dopo aver maneggiato, per gioco, dei puntatori laser. E pertanto hanno deciso di segnalare la cosa alla Procura, dove è stata aperta un'inchiesta, contro ignoti, per lesioni colpose aggravate. Nei giorni scorsi sono stati già sequestrati dei puntatori laser. I fatti sono andati così: i tre ragazzini, due maschi e una femmina, sono stati accompagnati dai genitori all'Oftalmologia del S.Orsola per problemi alla vista: i controlli medici hanno rilevato dei danni permanenti alla vista. Danni di tipo retineo, che hanno comportato una significativa diminuzione del ''visus'': uno dei ragazzini è legalmente cieco dall'occhio destro, gli altri due hanno perso alcuni gradi. A questo punto, i medici hanno chiesto ai genitori se si fossero verificati traumi o eventi che potessero spiegare l'accaduto. Ed è proprio qui, in fase di anamnesi, che è emersa la questione dei laser: tutte e tre le famiglie, in circostanze diverse, hanno spiegato di aver regalato ai propri figli, circa un anno prima, un puntatore laser per gioco. Non è stato possibile, né per i medici né per gli inquirenti, risalire a che tipo di laser fosse, né tanto meno analizzare l'oggetto in questione, perché in tutti i tre casi i puntatori ''incriminati'' sono andati persi o sono stati buttati. I medici, però, che hanno segnalato la cosa alla Procura, ritengono che siano questi i responsabili dei danni permanenti alla vista riscontrati nei ragazzini.

Se in generale è risaputo che i laser sono pericolosi per gli occhi, va considerato anche il fatto che ne esistono di varie categorie, alcune anche vietate dalla legge proprio per i rischi che possono comportare per occhi e pelle. Le famiglie, pur non potendo consegnare il laser, hanno riferito dove li avevano comprati: in un caso da un venditore italiano, negli altri due da stranieri, sempre tra Bologna e provincia. E in Procura, dove la segnalazione arrivata una decina di giorni fa dal Policlinico è stata presa con molta attenzione, sono stati subito attivati dei controlli, anche al fine di evitare il ripetersi di eventi come questi. Se ne occupa il procuratore aggiunto Valter Giovannini, a cui fanno capo i reati di competenza del giudice di pace. E questo, trattandosi di lesioni colpose, lo è. Giovannini, dopo aver aperto l'inchiesta, che è contro ignoti e ipotizza le lesioni colpose aggravate (per la diminuzione della vista), ha subito affidato accertamenti e controlli ai Carabinieri del Nas. I primi risultati sono già arrivati: nei giorni scorsi, dopo una serie di controlli, sono stati sequestrati una quindicina di puntatori laser venduti abusivamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000