CESENA

Amore a prima vista tra Accorsi e Cesena in una piazza da urlo

Duemila persone per l’intervista dal vivo all’attore. Mai così tanti a un singolo evento culturale in centro

di GIAN PAOLO CASTAGNOLI

17/07/2018 - 15:19

Amore a prima vista tra Accorsi e Cesena in una piazza da urlo

CESENA. Un pienone così in centro, per assistere a un singolo evento culturale, non si era mai visto, fatta eccezione per occasioni particolari, come i concerti di fine anno in piazza del Popolo. Oltre duemila persone si sono accalcate, due sere fa, in piazza della Libertà, per godersi l’intervista dal vivo a Stefano Accorsi, che ha preceduto la proiezione del film “Veloce come il vento”, in cui ha interpretato un eroinomane alle prese con rapporti complicati con la sorella e col mondo delle corse in auto. Ai mille spettatori che hanno trovato posto a sedere se ne sono aggiunti altrettanti che hanno seguito in piedi, disposti sui tre lati della piazza, la conversazione con l’attore. Uno spettacolo nello spettacolo, col sindaco Paolo Lucchi sul palco, visibilmente soddisfatto per quella che per i sostenitori della pedonalizzazione è stata anche una rivincita sui nostalgici del parcheggio eliminato.

Quello di domenica sera era l’appuntamento clou di “Piazze di cinema”, manifestazione che quest’anno sta superando le più rosee aspettative. Ed è stato amore a prima vista, e per giunta esplicitamente ricambiato, tra i cesenati e Accorsi. Quest’ultimo non ha nascosto di essere rimasto sconvolto in positivo da un afflusso di gente così massiccio. Tanto che alla fine ha voluto scattarsi un selfie sul palco, con sulla sfondo la massa di chi era venuto ad ascoltarlo. Poi, dopo avere raccontato vari aneddoti della sua carriera, si è trattenuto in zona ancora a lungo. Al punto che tanti dei presenti hanno detto con orgoglio che sembrava non volersi più “scollare” da Cesena, verso cui non ha lesinato apprezzamenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c