Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

CESENA

Nei due chioschi in piazza della Libertà giornali o fiori e piadina od ortofrutta

Offerte da presentare entro fine agosto, superficie fino a 18 metri quadrati. Canone base di 50 euro annui al metro

di GIAN PAOLO CASTAGNOLI

05/06/2018 - 17:55

Nei due chioschi in piazza della Libertà giornali o fiori e piadina od ortofrutta

CESENA. È stato appena pubblicato il bando per concedere in uso due aree all’interno della rinnovata piazza della Libertà dove sorgeranno due chioschi che dovranno contribuire a darle un’anima. Ciascuno non potrà superare i 18 metri quadrati di dimensione e sono stati definiti i sei differenti tipi di attività che potranno svolgersi nell’uno e nell’altro. Il tutto per 29 anni, con i primi 10 accompagnati da un vincolo: chi si aggiudicherà la gara dovrà gestire direttamente le strutture, senza cederle a terzi.

Canone e tempi del bando

Il canone annuo di partenza, con offerte a rialzo, è di 50 euro al metro quadrato: quindi, se la metratura sarà di 18 metri quadrati, potrebbero bastare 900 euro all’anno.

Chi è interessato dovrà presentare la propria proposta entro il 31 agosto e la commissione chiamata a valutare tutte quelle che arriveranno entrerà in azione il 7 settembre. Perciò i due manufatti inizieranno a prendere forma non prima della stagione autunnale-invernale. Ovviamente sempre che arrivino offerte.

Le sei possibili attività

I chioschi sono previsti in due punti di una linea immaginaria che divide la piazza da corso Garibaldi.

Il primo sarà realizzato nelle vicinanze della cattedrale e vi si potrà produrre e vendere piadina romagnola e generi di gastronomia oppure si potranno somministrare prodotti alimentari e bevande o, ancora, frutta e verdura.

Il secondo chiosco, previsto nelle zona a ridosso della Cassa di Risparmio, potrà invece ospitare queste tre attività in alternativa: un punto vendita di fiori; un’edicola-rivendita di giornali e riviste; un negozietto di prodotti di vario genere, purché non alimentari.

I criteri per valutare le offerte

Tra i criteri adottati per attribuire i punteggi e quindi stendere la relativa graduatoria sarà preponderante la qualità architettonica e funzionale del chiosco che verrà proposto. Peserà fino a 60 dei 100 punti totali assegnabili. L’aumento del canone annuo rispetto a quello base di 50 euro al metro e la riduzione della durata della concessione rispetto ai 29 anni ipotizzati incideranno per un massimo di 20 punti ciascuno.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402