CESENA

Commissariato all'interno del Caps: appaltati progetto e demolizioni

Bando ministeriale vinto dalla "Polistudio" di Riccione

22/02/2018 - 16:26

Commissariato all'interno del Caps: appaltati progetto e demolizioni

CESENA. Sicurezza in città. Qualcosa si muove per la realizzazione della nuova sede del Commissariato di polizia all’interno del Caps.

È stato stipulato ed ufficializzato in queste ore dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti l’incarico di progettazione che prevede l’abbattimento di due palazzine all’interno del Caps per poi costruire al loro posto la nuova sede della polizia di Stato (da anni relegata in palazzine poco pratiche per le esigenze degli operatori in via Don Minzoni).

Il bando prevede all’interno del Caps la progettazione della nuova sede dopo aver demolito le palazzine che sono nominate a planimetria come “H” ed “H1”. Gli appaltatori avranno in carico la progettazione dell’edificio ed anche il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione.

A vincere la gara d’appalto ministeriale è stata la “Polistudio Aes, Società di Ingegneria Srl di Riccione”, per un progetto arrivato primo in graduatoria che porta le firme dell’architetto Andrea Banci (riccionese) e del suo concittadino geologo Fabio Vannoni.

La Polistudio si è aggiudicata l’appalto di demolizione e progettazione con un ribasso del 15,3% sulla base d’asta per un importo di poco inferiore agli 83.800 euro, al quale dovranno essere aggiunti gli oneri previdenziali e fiscali.

La demolizione delle due palazzine ed il progetto di costruzione del nuovo commissariato aprono la strada ad un’opera del Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche che alla fine è stato stimato debba costare attorno ai 2.4 milioni di euro.

A prescindere dai tempi di progettazione e di demolizione delle due palazzine indicate in questo bando, ad ora resta valida la previsione che il nuovo Commissariato interno al Caps di via IV Novembre possa essere pronto e fruibile per gli operatori di polizia cesenati nell’anno 2020.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c