Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

CESENA

Tentato aborto su una tredicenne: ginecologo condannato a venti mesi

La ragazzina aveva subito violenze sessuali dal padre. Il medico pagherà anche un rimborso di 30mila euro

di IACOPO BAIARDI

12/01/2018 - 11:20

Tentato aborto su una tredicenne: ginecologo condannato a venti mesi

CESENA. Ginecologo condannato per tentato aborto clandestino di una tredicenne che era rimasta incinta per le violenze sessuali subite dal padre (condannato a sua volta a Rimini in abbreviato a sei anni). È questa la decisione che è stata presa in primo grado dal tribunale di Forlì nei confronti del medico riminese Nunzio Antonio Giulini, all’epoca dei fatti al lavoro in una clinica privata cesenate. Ma la difesa del ginecologo, curata dall’avvocato riminese Leonardo Bernardini, ha preannunciato fin d’ora la volontà di ricorrere in appello, una volta a conoscenza delle motivazioni della sentenza.

Il reato contestato

Dal processo è emerso che la tredicenne accompagnata dal padre andò nella clinica cesenate nei primi giorni dell’agosto 2012. Secondo il ginecologo era stata portata da lui per delle perdite che avevano allarmato i familiari e stabilì di fare un prelievo istologico (una biopsia) prelevando una minima quantità di tessuto tramite raschiamento. Non fu fatta una ecografia. La tesi difensiva era che il medico non aveva tenuto conto che la ragazzina potesse essere incinta, ma temeva esclusivamente ci fossero eventuali malattie da controllare. Per l’accusa invece non poteva non sapere. Fatto sta che qualche giorno dopo, quando arrivarono i risultati del prelievo fatto tramite raschiamento, fu evidente che la giovanissima era in stato di gravidanza. Al punto che Giulini allertò il collega referente per l’Ausl riminese, territorio dove era residente la giovane con la sua famiglia. E fu questo medico a praticare l’aborto, previo consenso dei genitori della ragazza, in una struttura sanitaria del riminese.

La condanna

In tribunale a Forlì la giudice Floriana Lisena non ha considerato valide le tesi difensive, dando piuttosto ragione alla pm Laura Brunelli (in aula Anna Maria Rava). La sentenza emanata prevede per Giulini una condanna a un anno e otto mesi, mentre alla ragazza è stato riconosciuto un rimborso economico di 30mila euro. Il ginecologo dovrà anche pagare come rimborso 1.500 euro per la costituzione in giudizio della parte civile.

L’appello

Il ricorso in appello viene annunciato fin d’ora. L’avvocato Bernardini aspetta che vengano depositate le motivazioni entro un mese dalla sentenza e poi avrà un mese e mezzo di tempo per depositare l’appello. Il reato di tentato aborto si prescrive in sette anni e mezzo e quindi nei primi giorni del febbraio 2020. E quindi non sarà semplice arrivare a una conclusione giudiziaria della vicenda, con la prescrizione che incombe.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402