UN FESTIVAL

Vita digitale e pericoli per i minori

Otto giorni di incontri a Cesena

06/01/2018 - 14:22

Vita digitale e pericoli per i minori

L'immagine che pubblicizza il Festival

CESENA. Una settimana di incontri, presentazioni e conferenze per interrogarsi sulle conseguenze dell’utilizzo di smartphone, videogiochi e social: si tratta del Festival della Salute Digitale.
Organizzato dall’associazione Psichedigitale, il festival farà il suo debutto con la sua prima edizione dal 5 al 12 febbraio a Cesena.
Otto giorni
L’apertura del festival è fissata per le 17 di lunedì 5 febbraio quando alla presenza della vicepresidente della regione Emilia Romagna Elisabetta Gualmini e dell’assessore Simona Benedetti nella sala Lignea della Biblioteca Malatestiana ci sarà la presentazione del libro “Mio figlio è stato rapito da Internet” di Francesco Rasponi, Michele Piga e Elvis Mazzoni.
Il giorno successivo si celebra il “Safer internet day”. Si parte in mattinata (9,30-12) nell’aula Magna di Psicologia con un incontro realizzato in collaborazione con esperti della Polizia di Stato della Questura di Forlì-Cesena. La giornata prosegue con un doppio appuntamento alle 14: a San Mauro in Valle al 2° Circolo didattico si terrà il laboratorio di coding: “Io digito, tu digiti, egli digita: gli atelier digitali del II Circolo”. All’Anfiteatro Pombeni del dipartimento di Psicologia invece, sempre alle 14, avrà inizio la conferenza “Epidemiologia clinica delle dipendenze digitali”, un momento formativo con grandi esperti del settore a livello nazionale rivolto in modo specifico a psichiatri, neuropsichiatri, pediatri, psicologi e alle figure professionali, che si occupano di psicopatologia web-mediata. Tra i relatori figurano Michele Sanza, Massimo Clerici, Daniele Labarbera, Caterina Viganò, Annarita Milone, Paolo Giovannelli, Furio Lambruschi.
Famiglia e web
Si terrà invece il mercoledì sera al teatro Victor di San Vittore l’incontro “La f@miglia digitale” (ore 20.30) in cui lo psicologo Elvis Mazzoni affronterà il tema dell’uso funzionale e disfunzionale del web nei bambini e nei loro genitori.
Si parlerà di «meme, lo scherzo più serio del web», giovedì 8 febbraio alle 15 nell’Aula Cacciaguerra del Credito Cooperativo Romagnolo. Michele Piga, psicologo del Centro Psichedigitale e Alessandro Oro, studente di Psicologia e nativo digitale, si confronteranno nell’incontro “Dalle faccine sulle magliette al Blue Whale”. I due relatori proveranno a condurre il pubblico in un «incontro per saperne di più sulle potenzialità e i rischi dei nuovi linguaggi della cultura digitale».
In serata invece (ore 20.30) nell’Aula Magma dell’Ipsia Comandini, Francesco Rasponi e Gian Piero Travini (associazione Whitebadge) presenteranno l’incontro “Adolescenti sempre più dipendenti dai videogames: i campanelli d’allarme”.
Venerdì 9 alle 14.45 l’aula Magna del dipartimento di Psicologia ospiterà la conferenza di Annalisa Guarini del dipartimento di Psicologia dal titolo “Cyberbullismo: conoscere, prevenire e affrontare il fenomeno”. All’interno della conferenza sarà presentato anche il progetto “Il web in famiglia e i robot in classe” con i risultati delle esperienze effettuate nelle scuole Fism. La relazione sarà di Elvis Mazzoni, l’introduzione di Franca Petrucci.
Fissata per le 11 di sabato 10 febbraio l’inaugurazione del “Centro di ascolto Psiche digitale”, un servizio rivolto alle famiglie per affrontare le criticità della vita digitale di bambini, adolescenti e giovani adulti. Il centro avrà sede al primo piano del Foro Annonario, nell’Accademia delle Idee.
Non decide la tecnologia
Conclude il programma di appuntamenti l’incontro fissato per le 20.30 di lunedì 12 febbraio, quando nell’ Aula Magna della scuola secondaria di 1° grado Arfelli di Cesenatico Francesco Rasponi, Michele Piga e Elvis Mazzoni condurranno l’incontro “La tecnologia può fare grandi cose ma non è lei a decidere”, presentazione delle “Linee Guida App” per educare alla vita digitale dai 0 anni alla maggiore età.

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c