PAURA IN CENTRO

Gioca con gli amichetti al Foro. Ferito da una lastra di marmo

Si stacca lo stipite di un'ascensore: «Struttura nuova ma già insicura»

Gioca con gli amichetti al Foro. Ferito da una lastra di marmo

CESENA. «È incredibile come una struttura ultimata da così poco tempo e costata milioni di euro non garantisca un livello adeguato di sicurezza e che perda letteralmente i pezzi».

A parlare è un babbo arrabbiato. Il padre di un bambino cesenate rimasto ferito mentre giocava all’interno del Foro Annonario con gli amichetti. È stato centrato da una lastra di marmo. La “cornice” dell’ascensore crollata di schianto a terra.

L’incidente

«Quello che è accaduto in questa struttura, che dall’inaugurazione ha alimentato critiche e perplessità, è un fatto grave - dice l’uomo - Mio figlio era ospite di un compleanno e giocava con gli amici come tanti bambini che ogni giorno frequentano il Foro. Dopo essersi avvicinato all’ascensore si è aggrappato al rivestimento laterale in marmo che incredibilmente si è staccato, crollando a terra insieme a parti del rivestimento di cornice superiore allo stesso».

Il bambino centrato dal marmo è stato poi medicato in ospedale. Sono serviti 5 punti di sutura.

«Un bimbo più piccolo per un trauma simile poteva anche morire. Mio figlio che ha 9 anni, se durante l’accaduto avesse avuto lo sguardo verso l’alto poteva riportare danni anche peggiori agli occhi o al naso. Si potrebbe dunque dire “tutto bene ciò che finisce bene”. Ma sarebbe per me come accettare che di lasciare andare la barca... “fin che va”. Ed è inaccettabile. La comunità va informata di come sia la situazione del Foro. Una struttura nuova e costata tanto ma perde letteralmente i pezzi. Quelle che si chiamano tragedie annunciate a volte sono figlie della sottovalutazione di denunce e segnalazioni dei cittadini».

La vicenda risale al 22 settembre: «Mi sento indignato inoltre - chiosa il genitore - che non essendo trapelata la notizia anche nel weekend successivo il Foro fosse liberamente accessibile a persone e bambini ignari, che avrebbero di contro il diritto di vivere la propria città in piena sicurezza senza rischiare di subite un’esperienza traumatica come quella della mia famiglia».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2017