Sabato 21 Ottobre 2017 | 02:56

CESENATICO

Vandali contro la targa dei coniugi Brumer

L'insegna è stata subito tolta e sarà sostituita «con una nuova, più bella e consona al luogo»

Vandali contro la targa dei coniugi Brumer

CESENATICO. I vandalismi sono di per sé atti vergognosi. Se poi riguardano vittime del nazifascismo sono ancora più beceri. Imbrattata e coperta con vernice su entrambi i lati la targa che ricorda i coniugi Brumer, posta nei giardini pubblici dello Squero. Furono assassinati nel settembre del 1944, nei pressi dell’aeroporto di Forlì dai nazisti, assieme a 18 altri sventurati: uomini e donne in maggior parte di origini ebraiche. Trucidati dopo esser stati catturati con la collaborazione dei fascisti, nel corso dei rastrellamenti.

Lo scorso 20 ottobre, nel 72° anniversario della Liberazione di Cesenatico, è stata intitolata ai coniugi Brumer, vittime della ferocia nazifascista, la pineta del vecchio Squero. Fu l’ex sindaco Roberto Buda ad avviare la pratica e l’attuale primo cittadino Matteo Gozzoli a dar corso alla cerimonia di intitolazione, assieme agli studenti delle scuole medie e delle superiori.

Il gesto teppistico di giovedì sera oltre che stupido è tanto più squalificante perché commesso nell’imminenza della data dal 25 aprile, in cui si celebra la Liberazione. I vandali hanno compiuto il gesto di nascosto, celati nella tenebra. Fatto sta che ieri mattina è stato lo stesso sindaco Matteo Gozzoli, che in autunno aveva intitolato la pinetina dello Squero ai coniugi Brumer, a segnalare l’avvenuto imbrattamento della targa stradale messa a loro memoria. Nulla di irreparabile, al di là dell’inqualificabile e acefalo gesto compiuto: quella targa imbrattata sarà a breve sostituita con una più grande e meglio rifinita.

A comunicarlo è lo stesso sindaco Gozzoli: «Al fatto scriteriato abbiamo subito provveduto a rimediare. La targa imbrattata di vernice grigia che ha coperto i nomi è stata tolta. Verrà sostituta con una nuova, più bella e consona al luogo. Non sarà pronta per il 25 aprile ma con i ragazzi della scuola media quel giorno in bicicletta faremo sosta davanti alla pinetina dello Squero, come in altri luoghi della memoria partigiana».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000