Sabato 21 Ottobre 2017 | 19:30

IL LUTTO

Arnaldo Amadori stroncato da un infarto

Verrà sepolto al cimitero di Tipano. Era rimasto in azienda fino al 1998 e viveva in Brasile

Arnaldo Amadori stroncato da un infarto

CESENA. E’ stato un malore a stroncare Arnaldo Amadori, fondatore del colosso avicolo che porta il cognome suo e del fratello Francesco, che lo fondò insieme a lui. L’infarto che martedì non gli ha lasciato scampo non è stato del tutto inaspettato. L’imprenditore, nato nel 1934 a Cesena, era stato infatti già sottoposto ad operazioni al cuore. E di recente aveva riferito che il suo medico gli aveva detto che per motivi di salute avrebbe dovuto smettere di lavorare. Ma lui non aveva voluto sapere. Era troppo pieno di iniziativa per tirare i remi in barca e anche là in Brasile, dove si era trasferito da parecchi e anni e dove è morto, aveva continuato ad impegnarsi in alcune attività legate ad allevamenti. Arnaldo Amadori, che ha cinque figli (Andrea, Gianluca, Donatella, Simonetta e Dina), è uno di quegli imprenditori che hanno lasciato davvero il segno, fondando quasi dal nulla un impero produttivo di primo piano. L’azienda Amadori è da tempo e continua a essere un pilastro dell’economia cesenate, anche dal punto di vista occupazionale, visto che conta ben 7.400 addetti.

Tutto ha avuto inizio negli anni ’50 del secolo scorso, quando i fratelli Amadori svilupparono l’attività avviata dai genitori dando vita a numerosi allevamenti avicoli in Romagna. Poco a poco sono riusciti a mettere in piedi un’intera filiera integrata con mangimificio, incubatoio, stabilimento. Dal 1969, anno ufficiale di fondazione fino ad oggi, pur mantenendo il proprio cuore ed il proprio cervello nello storico sito a San Vittore, l’azienda è cresciuta fino a diventare leader nazionale nel suo settore, con un fatturato annuo che si aggira attorno a 1 miliardo e 200 milioni di euro. E dietro questo successo c’è stata anche la mano di Arnaldo, che ha lavorato in Amadori fino al 1998. Ora il testimone è passato ai figli Andrea e Gianluca, che stanno continuando a fornire il loro apporto all’interno del colosso avicolo, occupando ruoli di rilievo.

Anche dopo il suo trasferimento in America Latina, Arnaldo era rimasto vicino all’azienda, mantenendo contatti con i tanti collaboratori che hanno lavorato al suo fianco per tanti tempi e che, oltre alle capacità professionali, ne ricordano il carattere «estroverso», sottolineando che «metteva di buon umore con la sua allegria contagiosa».

Ora si attende il rimpatrio della salma (che potrebbe non essere immediato, per le pratiche burocratiche da espletare), per celebrare il funerale nella sua terra, prima dell’eterno riposo nel vecchio cimitero di Tipano, dove gli Amadori hanno una tomba di famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000