LONGIANO

Di corsa contro il gioco d'azzardo

Nuova e singolare iniziativa di sensibilizzazione e lotta

23/10/2016 - 11:40

Di corsa contro il gioco d'azzardo

LONGIANO. “Run to win. In corsa contro l’azzardo”: «Prima volta in Italia che lo scottante tema esce allo scoperto, dalle aule o studi scendendo alla strada». Innovativa gara podistica organizzata per il 30 ottobre a Longiano dall’associane “InSè” fondata dagli psicologi Chiara Pracucci e Michele Metelli. L’iniziativa è stata svelata ieri in municipio a Longiano alla presenza di sindaco e vice.

«E’ la prima gara podistica in Italia contro il gioco d’azzardo - ha sottolineato Chiara Pracucci - viene organizzata dall’associazione “In sé”, con sede a Longiano in via Borgo Fausto, e con i patrocini di Comune, Regione Emilia Romagna, Uisp Forlì-Cesena. La manifestazione è alla prima edizione. Abbiamo immaginato questa gara come un’azione simbolica, sportiva e sociale contro la cultura del gioco d’azzardo, contro il suo isolamento e il suo potenziale baratro di dipendenza. Abbiamo voluto parlare di azzardo “sulla strada” per uscire dalle aule dei dibattiti e dagli studi dove ascoltiamo le storie drammatiche che l’azzardo provoca. Correre e camminare contro l’azzardo significa mettere a disposizione la propria passione per dimostrare che ad ogni atto aggressivo di incentivo al gioco può corrispondere una reazione attiva di consapevolezza. La gara sarà anche competitiva: d’altronde i podisti sono atleti che ad ogni gara investono tempo, denaro e sacrifici in cambio di un’adrenalina fatta di fatica, impegno e confronto con sé stessi. Stiamo chiedendo da tempo una legge nazionale che limiti il gioco d’azzardo e non sia lasciata l’iniziativa solo a pochi Comuni volenterosi come Longiano. Poi mancano i dati complessivi del fenomeno. A livello nazionale solo il Sert li fornisce. Proponiamo che anche ogni associazione o professionista che entri in contatto con i giocatori d’azzardo debba rendicontare il fenomeno».

«Organizzare questa corsa-camminata è stata una piccola follia - ha aggiunto Michele Metelli - ma è il modo giusto per attirare attenzione sul problema. Tutti coloro che parteciperanno alle camminate ludico motorie porteranno un messaggio di speranza alle vittime dell’azzardo. Il ricavato della gara podistica verrà utilizzato per il sostegno economico a giocatori d’azzardo patologici e loro familiari in difficoltà. Oltre allo sport presso la sala San Girolamo, dalle ore 9 in poi, saranno presenti varie associazioni».

«Il Comune già da qualche anno - hanno detto il sindaco Ermes Battistini e il vice Massimo Ciappini - ha emesso un’ordinanza contro il gioco d’azzardo dalle ore 22 alle ore 10 del mattino. Come pure ospita la “2 x bene” ciclistica benefica che punta ad aiutare chi è più sfortunato. Questa nuova iniziativa ci ha entusiasmato subito. Lodevole l’idea di attirare attenzione con uno sport popolare su un problema sottovalutato. Il gioco d’azzardo quando diventa compulsivo non è un vizio, ma una malattia».

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c