Giovedì 29 Settembre 2016 | 12:09

LONGIANO

Rimossi e fatti esplodere ordigni bellici

Rimossi e fatti esplodere ordigni bellici

CESENA. E’ stato effettuato oggi un ulteriore intervento di bonifica del territorio da residuati bellici risalenti al secondo conflitto mondiale: si è trattato, in questo caso, di quattro granate d’artiglieria di nazionalità italiana di grosse dimensioni rinvenute in un terreno privato a Longiano, in Via Gualdello.

Poiché alcuni degli ordigni rivenuti sembravano, per il cattivo stato di conservazione, bombe d’aereo, l’operazione odierna, coordinata da questa Prefettura in sinergia con tutti gli altri attori coinvolti, è stata preceduta, oltre che dai preliminari accorgimenti per mettere in sicurezza l’area interessata al fine di scongiurare ogni potenziale pericolo, da più complesse azioni di verifica tecnica e controllo del sito, da parte del personale specializzato dell’8° Guastatori Folgore di Legnago, anche per la segnalata presenza di eventuali ulteriori ordigni interrati.

Oltre al predetto reparto specializzato, hanno contribuito alla realizzazione del buon esito dell’intervento, conclusosi con il recupero ed il trasferimento degli ordigni di che trattasi in un apposito sito ove sono stati fatti brillare, nonché con la completa bonifica del luogo di ritrovamento, il personale dell’Arma dei Carabinieri, del Comune di Longiano e, per l’aspetto sanitario, della componente militare della Croce Rossa Italiana.

L’attività di verifica da parte del personale dell’8° Guastatori è poi proseguita anche nel territorio di Forlì, per il ritrovamento di un altro ordigno bellico per il quale sarà successivamente programmata la rimozione ed il brillamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000