Extra è il magazine estivo del Corriere Romagna dal 1994

IL PROGETTO

Meno gas e più turismo: al posto delle piattaforme le isole artificiali

L'idea di Stefano "Tete" Venturini: diving, bar, piadineria, sala multimediale, osservatorio scientifico

13/04/2018 - 10:11

Meno gas e più turismo: al posto delle piattaforme le isole artificiali

Una delle piattaforme in Adriatico

RIMINI. Riconvertire le piattaforme al largo della costa adriatica per destinarle ad attività scientifico-turistiche. Torna il tema tanto caro a Stefano Tete Venturini, ex presidente della Confcommercio di Rimini, responsabile subacqueo del Marina di Rimini. L’ex vice presidente della Fiera di Rimini sabato presenta il suo progetto nell’ambito della manifestazione Nautiexpo, in programma al Marina di Rimini da oggi a domenica, tre giorni dedicati alla nautica con eventi ed esposizione di imbarcazioni. «Possiamo inventarci le isole che non abbiamo», rilancia Venturini, «cercando di far andare le nostre amministrazioni oltre la battigia e coinvolgendo tutto il nostro territorio turistico».

Il progetto, ispirato dalla storia dell’Isola delle Rose di fine Anni Sessanta, prevede la riqualificazione di una piattaforma trasformandola in un’isola artificiale (a Dubai lo fanno partendo da zero) prima che si renda necessario il suo smantellamento a fine produzione. «Gli spazi», spiega, «saranno organizzati per produrre energie rinnovabili, eolico, fotovoltaico e legati allo sfruttamento del moto ondoso. Saranno organizzati laboratori educativi per la conoscenza e l’utilizzo delle risorse marine, strutture di accoglienza (bar, piadineria, diving, negozio di souvenir, sala multimediale...) e troverà posto un polo di ricerca con osservatorio astronomico-scientifico».

Gli investimenti sono stimati in circa due milioni di euro. «Ma smantellare queste strutture ha costi ben più elevati», spiega Tete. Il progetto si concentra sulla Azalea B, posta circa 16 chilometri al largo di Rimini, una struttura che su due piani può sviluppare circa 160 metri quadrati di superficie, una piattaforma facilmente raggiungibile dalla costa. «Dal porto di Rimini ci si può arrivare in mezz’ora, portando tanti turisti. Per i sub sarebbe una proposta interessante perché avrebbero una base di appoggio attrezzata e attraente anche per le famiglie che oggi non esiste».

Venturini insiste sull’importanza che un progetto del genere avrebbe per il turismo e spera di trovare sponde nel mondo economico e delle istituzioni. «Occorre lavorare per qualificare l’offerta turistica del territorio sul concetto di filiera del turismo, che favorisca l’aggregazione delle imprese appartenenti a settori diversi: dalla ricettività alla ristorazione, dal commercio all’artigianato fino alla cultura e all’agricoltura». Lungo l’Adriatico sono una settantina le piattaforme estrattive, 6 quelle dismesse. Appuntamento domani, alle 18 presso la tensostruttura del Marina di Rimini.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402