Venerdì 09 Dicembre 2016 | 08:42

Più letti oggi

 

Lettere al Direttore

Commento personale sul taglio dei platani località San Lorenzo in Noceto

Sono molto rammaricato e sconcertato a leggere le giustificazioni assolutamente infondate sul non effettuare il taglio dei platani tra la località San Lorenzo in Noceto e Fiumana, soprattutto perché sono certo che chi vuole evitare l'abbattimento non ha cognizione della situazione reale in loco. Si sostiene che le piante rallentano il traffico allora per assurdo... perché non vengono piantate nelle banchine di tutte le strade a scorrimento pubblico come deterrente? La verità è che per chi ci abita come il sottoscritto e/o per chi ci transita sono un pericolo giornaliero per l'incolumità propria ma anche per gli utilizzatori della strada stessa. Le piante hanno dimora nella banchina stradale, ribadisco banchina stradale, ovvero a qualche decina di cm dal margine strada (asfalto) ed a distanza l'una dall'altra di qualche metro in entrambi i sensi di marcia.

Questo sta ad attestare che per me residente al civico 656 di Viale dell'Appennino che mi immetto sulla strada pubblica ho una barriera vegetativa (OGGI) che non mi permette la visibilità della carreggiata per cui mi espongo ed espongo la mia famiglia, le mie bimbe passeggere e coloro che transitano nella strada a rischio di incidente stradale. Perché è ovvio... per vedere se la strada è libera avanzo lentamente con la testata della macchina dentro la corsia di marcia con la mano destra e il piede pronti ad inserire la retromarcia in caso di pericolo. Ribadisco non posso fare diversamente e PREGO che tutto fili liscio. Non oso immaginare il peggio. Non posso neppure montare uno specchio perché non è consentito l'installazione sulle strade provinciali extraurbane. Poi voglio dire a quei signori oppositori perché non provano a camminare lungo la banchina (che non esiste) o utilizzare una bicicletta... rischio di investimento garantito o guidare il loro automezzo sempre che non si tratti di corriera o di un camion perché in questo caso se uno dei due non dà la precedenza la collisione anche in questo caso è garantito. E questo vale anche per i mezzi di soccorso dei vigili del fuoco...

Altra cosa fondamentale che questi signori non sanno... Sono morte tante persone lungo questo tratto di strada e per ultimo un paio di anni fa un uomo che stava tornando a casa per recuperare forse un documento che doveva portare nel luogo di lavoro. Ebbene una orribile mattina si è schiantato contro un platano all'altezza della fermata della corriera ed io con le mie bimbe transitando con la macchina nel luogo della morte mi sono commosso ed ho pregato perché questo non debba succedere mai più. Quindi coloro che parlano e scrivono frasi insensate "gli alberi sono un deterrente per rallentare il traffico" lo vadano a dire ai famigliari di quell'uomo o delle altre vittime della strada e poi vadano loro stessi ad accertarsi dello stato di fatto dei luoghi e si documentino adeguatamente e compiutamente. Sono stanco di slogan politici o di caparbietà associazionistica, bisogna anteporre prima di tutto il vero lume della ragione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Corriere di Romagna

Caratteri rimanenti: 1000