Sabato 03 Dicembre 2016 | 12:42

L'EVENTO

Arriva a Forlì Steve McCurry

Il grande fotografo americano

Complesso Monumentale di San Domenico, Piazza Guido da Montefeltro, 12, 47100 Forlì FC, Italia

FORLÌ. Promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi e dal Comune in collaborazione con la Settimana del Buon Vivere, arriva a Forlì l'attesissima mostra "Icons and women" di Steve McCurry, ai Musei San Domenico dal 26 settembre al 10 gennaio 2016. L'artista sarà presente alla vernice di venerdì.

L'americano McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea ed è un punto di riferimento per un larghissimo pubblico, soprattutto di giovani, che nelle sue fotografie riconoscono un modo di guardare il nostro tempo e, in un certo senso, “si riconoscono”. In ogni scatto di Steve McCurry è racchiuso un complesso universo di esperienze e di emozioni e molte delle sue immagini, a partire dal ritratto di Sharbat Gula, sono diventate delle vere e proprie icone, conosciute in tutto il mondo.

La nuova rassegna allestita nella prestigiosa cornice dei Musei di San Domenico a Forlì presenta una selezione delle immagini più famose di Steve McCurry insieme ad alcuni lavori recenti e ad altre foto non ancora pubblicate nei suoi numerosi libri. Il percorso espositivo, curato da Biba Giacchetti, propone un viaggio intorno all’uomo e al nostro tempo, in una inedita declinazione al femminile.

Il punto di arrivo è infatti il ritratto della ragazza afgana nel campo profughi di Peshawar, diventato ormai una icona assoluta della fotografia mondiale, ma anche un simbolo della speranza di pace che sembra impossibile in un mondo agitato da guerre ed esodi di massa. Sarà esposto, accanto alla sala dell’Ebe di Canova, insieme ad altri due scatti, uno inedito ed uno realizzato da McCurry a distanza di oltre 17 anni, dopo averla finalmente ritrovata, come documentato nel video di National Geographic proiettato in mostra. 

La rassegna comprende oltre 180 foto di vari formati, selezionate da Biba Giacchetti insieme a Steve McCurry  ed è completata da una audioguida a disposizione di tutti i visitatori e inclusa nel biglietto nella quale il grande fotografo racconta in prima persona le sue foto con aneddoti e appassionanti testimonianze.

Oltre ad una ormai vasta pubblicistica su McCurry, sarà disponibile nel  bookshop della mostra il volume McCurry/Icons, curato da Biba Giacchetti, che presenta una selezione di 50 delle sue foto belle o più famose o per le quali McCurry nutre un particolare sentimento. In una lunga conversazione tra i due, per la prima volta Steve McCurry racconta le sue icone, svelandone spesso i retroscena.

Sempre nella giornata di venerdì, prima dell'inaugurazione, alle 17 si terrà l'incontro "Dialogo con gli storyteller del nostro tempo: Steve McCurry". A colloquio con il fotografo americano ci sarà il giornalista Gianni Riotta. L'incontro, inizialmente revisto alla chiesa di San Giacomo, si terrà al teatro Fabbri.

Info: mostrastevemccurry.it